Problemi Di Alessandro Manzoni

Come essere ogni giorno di apple

Questo disaccordo è causato da che Prokopovich su - ha capito lo scopo di filosofia. È stato valutato da esso non come conoscenza esoterica per filosofi certi, ma come mezzi di soddisfazione delle richieste di informazioni corrispondenti di un cerchio considerevole.

Il razionalismo di F. Prokopovich particolarmente luminosamente è venuto alla luce nella dottrina logica. L'elemento centrale il giudizio - un prodotto di attività d'intelligenza ammesso. Il giudizio - un risultato dell'atto razionale della conoscenza che è fatta sul secondo - logica - il suo. Tutti i mezzi logici sono collegati a giudizio. La scienza logica di raggiungimento di verità, lo strumento della sua formazione com'è su processo di riflessione.

Nello spirito di gnoseology di tempi moderni la conclusione del concetto epistemologico di F. Prokopovich circa due strade e due occhiate di strumenti di erudizione. Primo strada, uno stadio, mezzi - percezione sensoriale; è collegato a organi di senso: vista, contatto, senso di odore, sentendo. La seconda strada - la forma mentale - usa il potere d'intelligenza: la ragione, myslennost, la mente, fa attenzione eccetera. Il pensatore dà l'analisi dettagliata di questi mezzi informativi e in lezioni su retorica, e in lezioni su physiophilosophy, fisica, logica e dialettica. In alcuni casi nelle menzioni di lavori di Feofan di una strada esperta di conoscenza si incontrano, comunque in generale il concetto ci specifica su sensualistichesky (sono sensori anche razionalistici (significa myslenna come su due tendenze principali in una corrente uniforme di raggiungimento di conoscenza.

Considerando un rapporto di due stadi di conoscenza, F. Prokopovich ha avvertito che a uno stadio di percezione sensoriale è impossibile a. Essere nel potere dei sentimenti è mezzi di rimanere sempre in prigionia il più spesso delle abitudini cattive e l'udoyovolstviye più basso la distruzione di organi di senso della persona, la sua mentalità, rompendo l'attività normale della persona.